‘A memoria d’uomo’, diari di vita quotidiana

La locandina dell’evento in quattro tappe: 17 e 18 settembre in Fiera, 27 settembre all’Università di Bari, 2 ottobre a Bitetto (Convento dei Domenicani); 16 ottobre nella Mediateca Regionale di Bari

Chi non ha tra i suoi ricordi d’infanzia l’immagine di un nonno che racconta i suoi anni giovanili, un incontro, un’esperienza tragica o il momento più commovente della sua vita?

Fonti private al cui indubbio valore affettivo si sommano quelle ancora più preziose di carattere etnoantropologico che permettono di conoscere i cambiamenti degli aspetti sociali, economici, culturali intervenuti nel tempo.

E’ questa una delle finalità dell’associazione torinese Memoro – Banca della Memoria la cui presidente Valentina Vaio intervenuta questa mattina nella Biblioteca provinciale Santa Teresa dei Maschi di Bari ha presentato A Memoria d’uomo con Angelo Amoroso D’A­ra­go­na della Transtv e Gianluca Sciannameo di Recidivi. Le tre associazioni con la Home Movies di Bologna sono partner e sviluppatori di un progetto che è di fatto il primo tentativo a Sud di mappare il territorio costruendo un archivio di documenti e storie private.

“Il nostro obiettivo – spiega la Vaio -, è quello di far nascere nei giovani il piacere di ascoltare e di comprendere che c’è tanto da imparare e meravigliarsi nei ricordi di una persona più anziana oltre che sviluppare interessi collaterali come il personale studio e approfondimento di questo tipo di ricerca. Abbiamo così pensato alla rete che è il luogo privilegiato dai giovanissimi e alla velocità e fruibilità delle immagini video. Oggi il nostro archivio comprende circa 1700 interviste di pochi minuti realizzate in tre anni di lavoro in giro per l’Italia. La particolarità è che, per una scelta precisa, i ‘narratori’ sono tutti nati prima del 1940”.

Quattro le tappe pugliesi di A Memoria D’uomo realizzato con il finanziamento dell’assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia. Il 17 e 18 settembre alla Fiera del Levante (pad.118) l’associazione Recidivi parlerà del progetto e dell’obiettivo di creare una libreria pubblica do­ve far confluire reperti audiovisivi da archivi privati. Appunti di viaggio. Sguardi dalla Cina e dal mondo proporrà (dalle 16) la proiezione di filmati del giornalista Raffaele Schito realizzati nei molti viaggi di lavoro in Oriente e un incontro con un diplomatico pugliese che, a Pechino da diversi anni, parlerà delle trasformazioni in atto nel Paese. Il 18 settembre (alle 19) saranno invece proiettati filmati dall’archivio privato di Irma e Lidia Cellie che negli anni Cinquanta hanno girato il mondo con una super8.

Il 27 settembre nel Salone degli Affreschi dell’Ateneo barese il seminario L’intervista come me­todo d’indagine etno-antropologica introdurrà la settimana di racconti che la Memoro registrerà nel comune di Bitetto, scelto come luogo simbolo del progetto per le pesanti ripercussioni che vi furono durante la Seconda Guerra a causa della cacciata tedesca. I video saranno poi proiettati il 2 ottobre a Bitetto, nella sala conferenze dell’ex Convento dei Domenicani.

Finale internazionale sarà l’Home Movie Day, il 16 ottobre  nella Mediateca Regionale, una festa nata negli Usa celebrata in tutto il mondo e dedicata ai filmini amatoriali di famiglia.

“Nelle cantine e nelle soffitte giacciono spesso dimenticate o non più visibili per mancanza di supporti adeguati, miniere di informazioni – dice Amoroso -. L’ambizione è quella di muoversi nel futuro, organizzando un lavoro di raccolta e valorizzazione che potrà un giorno servire per nuove produzioni documentaristiche, sedimentando quello che siamo”.

Alessandra Nenna